GROSIO E DINTORNI

STORIA

Il Parco delle Incisioni Rupestri di Grosio vanta la roccia incisa più grande dell’arco alpino (5.500 incisioni). Una passeggiata in questo luogo panoramico o, meglio ancora, una visita guidata, vi permetteranno di compiere un viaggio indietro nel tempo alla scoperta di popolazioni tanto antiche quanto sconosciute.

Parte integrante del parco sono, oltre alla grande rupe incisa, le imponenti rovine di due castelli medievali. Il Castello di San Faustino (X sec.) è caratterizzato dal pittoresco campanile dei santi Faustino e Giovita e ha recentemente dato testimonianza certa di essere stato utilizzato, dalla famiglia Venosta, come abitazione, oltre che per scopi difensivi. Nel XIV sec. I Visconti di Milano, nuovi signori della valle, vi affiancarono il più imponente Castello Nuovo (Castello Visconti Venosta, XIV sec.) che ha subito il recente restauro delle cortine murarie.

La Villa Visconti Venosta è un altro grandioso segno della presenza della nobile famiglia a Grosio. La facciata sfoggia uno splendido loggiato in stile neorinascimentale, che domina sul grandioso parco, mentre l’ala più antica della Villa risale al XVI secolo. Membro illustre della famiglia fu il marchese Emilio Visconti Venosta che arricchì la dimora con una moltitudine di opere d’arte, oggetti e suppellettili. La Villa era la residenza estiva della nobile famiglia la quale, estintasi nel 1982, la donò al Comune di Grosio.

Uno dei simboli artistici del territorio grosino è certamente la romanica Chiesa di San Giorgio (XIV sec.) che si incontra passeggiando nelle strette vie del centro storico del paese, fra angoli caratteristici e eleganti portali in pietra verde. San Giorgio è un esempio unico in Valtellina di una chiesa che ha mantenuto il suo originario aspetto quattrocentesco anche all’interno. I recenti restauri hanno portato alla luce numerosi affreschi sulle pareti che, insieme alla meravigliosa ancona lignea del De Passeris (1949) rendono San Giorgio una vera perla della religiosità valtellinese.

” Ben più grandiosa, anche se non priva di eleganza, è invece la chiesa parrocchiale di San Giuseppe (sec. XVII) che, con la caratteristica facciata in pietra verde, accoglie i visitatori che entrano in paese. La chiesa, di stile baroccheggiante, è sopraelevata da un sagrato, delimitato da eleganti balaustre (1750) ed è affiancata da un elegante campanile (sec XVIII). All’interno colpiscono le vaste proporzioni, date dalla navata unica e dall’ampia cupola sopra il transetto.

SPORT E NATURA

Gli amanti della natura e delle passeggiate in montagna troveranno nella Val Grosina un vero paradiso. Facilmente accessibile da Grosio, essa si snoda da Ravoledo fino a Fusino, per poi dividersi in due rami: quello verso ovest e verso il confine svizzero, la Val di Sacco, e quello verso nord in un ramo orientale che conduce al villaggio di Eita. Cime che superano i 3000 metri offrono arrampicate e trekking di alto livello. Per i meno esperti, vi è la possibilità di camminare in alta quota o semplicemente trascorrere una giornata all’aria fresca nell’incanto di un posto che reca anche la testimonianza di un’apparizione miracolosa. A Malghera (Val di Sacco) rimarrete infatti impressionati dal fiabesco santuario mariano a quota 2.000 metri!

Appassionati di bici o mountain bike? Siete nel posto giusto: Grosio è situato proprio all’imbocco della strada che conduce al famoso valico del Mortirolo (Passo di Foppa). Nelle vicinanze i passi che hanno fatto la storia del ciclismo, lo Stelvio e il Gavia, metteranno a dura prova le vostre gambe! Grosio è inoltre tappa della famosa Transalp, tour in mountain bike che attraversa le Alpi passando dalla nostra Valgrosina! Al Bike Hotel Sassella troverete servizi particolari per i ciclisti, un garage chiuso e coperto dove riporre le vostre bici, una piccola officina attrezzata e la nostra cucina energetica!

www.mortirolobike.it

Prova le 5 spettacolari discese in mountain bike! Itinerari e percorsi su:

www. fivecrazydown.com

D’inverno gli appassionati di sci possono raggiungere in quindici minuti la famosa località sciistica di Bormio. In meno di un’ora si può arrivare all’Aprica, a Santa Caterina, a Livigno oppure sul passo del Bernina. In estate, per gli irriducibili, è possibile sciare sul ghiacciaio al Passo dello Stelvio.

DINTORNI

Tirano (10 minuti da Grosio), accogliente cittadina a un chilometro dalla vicina svizzera, punto di partenza per la  memorabile gita sul leggendario Trenino Rosso del Bernina, patrimonio dell’Unesco. La ferrovia più alta d’Europa, che festeggia i 100 anni, vi porterà a stretto contatto con la natura fra la flora e la fauna di alta montagna fino a raggiungere St. Moritz.

Bormio oltre alle caratteristiche di un paese di montagna ricco di tradizioni e storia troverete il relax alle terme:  potete scegliere i percorsi termali dei Bagni Vecchi e dei Bagni Nuovi (Hotel convenzionato) oppure le Terme della piscina.

Livigno dista un’ora dall’hotel: 14 km di negozi nella nota località di montagna “duty free”.
Per gli appassionati della discesa e del divertimento in Mountain bike consigliamo una giornata al Bike Park del Mottolino!